home page
 
Documenti
Epide(se)miologie e contagi
a cura di Federico Montanari | aprile 2020


Come pensare, oggi, al rapporto fra comunicazione e tema del contagio in termini, per quanto possibile, non ovvi e non schiacciati solo sull'urgenza dell'emergenza da Coronavirus e della seppure drammatica situazione di questo periodo?
Paolo Fabbri, semiologo fra i pił noti, e fra i protagonisti del dibattito culturale contemporaneo, ha lavorato molto sui temi socio-semiotici del conflitto, della scienza e, appunto, dei modelli non ordinari e virali di comunicazione ci aiuta qui a discutere di alcuni aspetti che spesso vengono trascurati dal dibattito odierno, basata molto sui numeri, sui dati, e sul protagonismo dei personaggi pubblici.
Critica l'idea banale di meme, discute dello strettissimo intreccio fra virus, inteso come entitą biologica, e circolazione dello stesso in una data situazione sociale e culturale, e di come le stesse forme comunicative (le dicerie, le voci, i rumors) assomiglino nel loro diffondersi e concaternarsi alla diffusione epidemica. Anzi, forse i due livelli sembrano confondersi. Infine i temi della guerra, del conflitto, dello stato d'emergenza e di come le scienze umane e sociali e in particolare la semiotica e la socio-semiotica si debbano alleare di nuovo per proporre un nuovo sguardo critico.


  




 
 
Ocula.it pubblica saggi di ricerca semiotica, in particolare applicata alla comunicazione e alla cultura, è aperta al dialogo con altri campi di ricerca e accoglie contributi che provengono da ogni ambito delle scienze umane e sociali.

Puoi contribuire alle nostre attività con una donazione compiuta in modo sicuro via carta di credito o PayPal



ISSN 1724-7810   |   DOI: 10.12977/ocula

Ocula aderisce ai prinicpi della Budapest Open Access Initiative (BOAI)

Ocula è indicizzato da Directory Open Access Journal (DOAJ) e Google Scholar

I contenuti di questo sito sono rilasciati secondo la formula di licenza Creative Commons (BY-NC-ND) 

  |  Privacy  |  Ocula.it è pubblicato da Associazione Ocula, via Berti 2, 40131 - Bologna