Chi siamo Indice Numeri tematici Flux Documenti contrAppunti  
Cerca:   Search

Codice etico



Ocula.it è una rivista scientifica peer-reviewed che si ispira al codice etico delle pubblicazioni elaborato da COPE Committee on publicationethics: Best Practice Guidelines for Journal Editors. Autori, redattori e revisori sono tenuti a conoscere e a condividere i principi qui enunciati.
Ocula adotta il sistema di valutazione scientifica degli articoli che le vengono sottoposti, conosciuto internazionalmente come peer-reviewing. Ogni testo è assegnato in lettura a due revisori in maniera anonima (double blind peer-review). Responsabili del processo di referaggio sono la Direzione, d’intesa con la Redazione. I revisori sono identificati secondo un criterio di competenza ed elevata qualificazione in materia. Direzione e Redazione di Ocula sono responsabili della decisione finale sulla pubblicazione degli articoli proposti.


Doveri della Direzione e della Redazione

Correttezza
Direzione e Redazione valutano gli articoli proposti per la pubblicazione in base al loro contenuto senza discriminazioni di razza, genere, orientamento sessuale, religione, origine etnica, cittadinanza, orientamento politico degli autori, né della loro appartenenza accademica.

Riservatezza
I redattori e gli altri componenti lo staff della Rivista si impegnano a non rivelare informazioni relative agli articoli proposti, se non all'autore, ai revisori e all'editore.

Conflitto di interessi e trasparenza
Coordinatori e Redattori si impegnano a non usare in proprie ricerche i contenuti di un articolo proposto per la pubblicazione senza il consenso scritto dell’autore.
Ocula sottopone alla stessa procedura di valutazione, anonima e oggettiva, i contributi presentati per la pubblicazione dai membri della Redazione e dai Coordinatori.


Doveri dei Revisori

La peer-review è una procedura che aiuta i redattori ad assumere decisioni informate riguardo agli articoli proposti e consente agli autori di migliorare i propri contributi.
Il revisore che ritenga di non essere competente per quanto riguarda i temi affrontati nell'articolo o che sappia di non poter svolgere la lettura nei tempi previsti è tenuto a comunicarlo tempestivamente ai coordinatori di Ocula e/o del numero specifico.
Ogni testo è assegnato in lettura con obbligo di massima riservatezza. Pertanto, tale testo non deve divenire oggetto di discussione con altre persone senza una esplicita autorizzazione dei redattori Ocula. I documenti ricevuti per la revisione devono essere trattati come riservati. Essi non devono essere mostrati o discussi con chiunque non sia previamente autorizzato dal Direttore.

Oggettività
La peer review deve essere condotta in modo oggettivo. Ogni giudizio personale sull'autore è inopportuno. I revisori sono tenuti a motivare adeguatamente i propri giudizi.

Suggerimento di testi
I revisori si impegnano a indicare con precisione gli estremi bibliografici di opere da loro ritenute fondamentali e trascurate dall'autore. Il revisore devono inoltre segnalare ai redattori eventuali somiglianze o sovrapposizioni del contributo loro inviato in lettura con altre opere a loro note.

Conflitto di interessi e divulgazione
Ogni informazione e indicazione ottenuta dai revisori nel corso della peer review è da ritenersi come assolutamente riservata e non può essere usata per fini personali. I revisori sono tenuti a non accettare in lettura articoli per i quali sussiste un conflitto di interessi dovuto a precedenti rapporti di collaborazione o di concorrenza con l'autore e/o con la sua istituzione di appartenenza.


Doveri degli Autori

Accesso e conservazione dei dati
Se i redattori lo ritenessero opportuno, gli autori degli articoli dovrebbero rendere disponibili anche le fonti e/o i dati su cui si è basata la ricerca, affinché siano conservati per un ragionevole periodo di tempo dopo la pubblicazione e possano eventualmente essere resi accessibili ad altri per operazioni di verifica.

Originalità
Gli autori sono tenuti a dichiarare di avere composto un lavoro originale in ogni sua parte e di avere citato tutti i testi utilizzati.

Pubblicazioni multiple, ripetitive e/o concorrenti
I testi proposti non devono essere stati pubblicati come materiale protetto da copyright in altre riviste. I testi in fase di revisione dalla rivista non devono essere sottoposti ad altre riviste ai fini di pubblicazione.

Indicazione delle fonti
L'Autore deve sempre fornire la corretta indicazione delle fonti e dei contributi menzionati nell'articolo.

Paternità dell'opera
Va correttamente attribuita la paternità dell'opera e vanno indicati come coautori tutti coloro che abbiano dato un contributo significativo all'ideazione, all'organizzazione, alla realizzazione e alla rielaborazione della ricerca che è alla base dell'articolo. Se altre persone hanno partecipato in modo significativo ad alcune fasi della ricerca il loro contributo deve essere esplicitamente riconosciuto. Nel caso di contributi scritti a più mani, l'autore che invia il testo alla rivista è tenuto a dichiarare di avere correttamente indicato i nomi di tutti gli altri coautori, di avere ottenuto la loro approvazione della versione finale dell'articolo e il loro consenso alla pubblicazione in Ocula.

Conflitto di interessi e divulgazione
Tutti gli autori sono tenuti a dichiarare esplicitamente che non sussistono conflitti di interessi che potrebbero aver condizionato i risultati conseguiti o le interpretazioni proposte. Gli autori devono inoltre indicare gli eventuali enti finanziatori della ricerca e/o del progetto dal quale scaturisce l'articolo.

Errori negli articoli pubblicati
Quando un autore individua in un suo articolo un errore o un'inesattezza rilevante, è tenuto a informare tempestivamente i redattori della rivista e a fornire loro tutte le informazioni necessarie per apportare all'articolo le doverose correzioni.


Misure antiplagio

Tutti gli articoli proposti a Ocula sono sottoposti a un'attenta verifica volta a rilevare eventuali usi impropri di altri testi, anche ricorrendo a software antiplagio come Compilatio, Turnitin o iThenticate.
Quando è riscontrato un plagio si procede secondo quanto raccomandato nelle linee guida elaborate dal Committee on Publication Ethics (COPE) (http://publicationethics.org/resources/flowcharts).
Se invece fossero i lettori a segnalare un plagio presente in un articolo di Ocula, i coordinatori del numero in questione o della Redazione:

1) informano chi ha segnalato l'abuso della procedura che sarà immediatamente avviata;
2) verificano il grado di effettiva coincidenza dell'articolo di Ocula con il testo o i testi che sarebbero stati plagiati;
3) informano dell'accaduto l'intera redazione e la Direzione di Ocula per decidere collegialmente i successivi passi;
4) trasmettono all'autore dell'articolo le evidenze emerse dal confronto con gli eventuali testi plagiati e gliene chiedono conto.

Se dovesse risultare che l'autore ha effettivamente plagiato altri testi, la Redazione e la Direzione di Ocula:

1) informano l'autore del contributo plagiato e il direttore della rivista e/o della collana in cui esso è apparso;
Se l’autore risponde e ammette tutto o in parte il plagio.
2) pubblicano la ritrattazione ufficiale dell'articolo apparso in Ocula;
3) ritirano il contributo da Internet;
Se l’autore non risponde
4) Contattano le Istituzione accademiche di riferimento dell’autore e le principali associazione universitarie di cui è socio l’autore, esponendo loro il caso e chiedendo loro di contattarlo direttamente.
5) non consentono al plagiario nuove pubblicazioni per 5 anni.






Occhio semiotico sui media / Semiotic Eye on Media

ISSN 1724-7810   |   DOI: 10.12977/ocula

pubblicata da Associazione Ocula, via Lodovico Berti, 2 40131 - Bologna